CARMELITANI SCALZI

DI

SICILIA

 

 

Commissariato

Sant'Alberto di Trapani

 

Sede: Monte Carmelo - Convento

dei Frati Carmelitani Scalzi - Villasmundo (SR)

Tel. 0931.959245

 

 

In preparazione del

V centenario della nascita di Santa Teresa di Gesù

 

 

 

IV Congresso Internazionale Teresiano: Las Moradas inscrizione gratuita per la partecipazione on-line

 

 

Castello Interiore

 

Castello Interiore: guida dottrinale
 

  Scheda I - Scheda II

 

Scheda III - Scheda IV

 

Scheda V - Scheda VI

 

Scheda VII - Scheda VIII

 

Scheda IX - Scheda X

 

Scheda XI - Scheda XII

 

Scheda XIII - Scheda XIV

 

Scheda XV - Scheda XVI

 

Scheda XVII

 

 

 

 

CONVEGNO FAMIGLIA TERESIANA

Monte Carmelo

9 giugno 2013

(Manifesto Convegno)

 

Appuntamenti pastorale giovanile

(vedi Locandina)

 

UNA PROPOSTA PER TE: Aiutaci a costruire un grande

MONASTERO INVISIBILE

 

 

 

GIUGNO 2013

 

L

M

X

G

V

S

D

          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

 

 

 
 
 
Dal vangelo secondo Luca
In quel tempo, uno dei farisei invitò Gesù a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco, una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, portò un vaso di profumo; stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo.  Vedendo questo, il fariseo che l’aveva invitato disse tra sé: «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi è, e di quale genere è la donna che lo tocca: è una peccatrice!».
Gesù allora gli disse: «Simone, ho da dirti qualcosa». Ed egli rispose: «Di’ pure, maestro». «Un creditore aveva due debitori: uno gli doveva cinquecento denari, l’altro cinquanta. Non avendo essi di che restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi di loro dunque lo amerà di più?». Simone rispose: «Suppongo sia colui al quale ha condonato di più». Gli disse Gesù: «Hai giudicato bene».
E, volgendosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Sono entrato in casa tua e tu non mi hai dato l’acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. Tu non mi hai dato un bacio; lei invece, da quando sono entrato, non ha cessato di baciarmi i piedi. Tu non hai unto con olio il mio capo; lei invece mi ha cosparso i piedi di profumo. Per questo io ti dico: sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco».  Poi disse a lei: «I tuoi peccati sono perdonati». Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: «Chi è costui che perdona anche i peccati?». Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!».
 
 

Commento al Vangelo

DOMENICA  16  GIUGNO

             Don Fabio Rosini

              Biblista - radio Vaticana

Storia del Carmelo in Sicilia

 

Il Carmelo in Sicilia:

     la Famiglia Teresiana

 

Frati

Dalle Costituzioni...

Conventi

 

Monache

Dalle Costituzioni...

Monasteri

 

Ordine Secolare

Comunità

Costituzioni

Statuto dell'Ordine Secolare dei Carmelitani Scalzi di Sicilia

Ratio Institutionis dell'Ordine secolare

Programma di formazione iniziale

Christifideles Laici


Istituti secolari

 

Laici

Famiglie

Giovani ... Guarda i video...

 

Beata Maria Candida

Note storiche

Spiritualità

Dagli scritti...

La liturgia propria

 

Missioni

 

Rivista

 

Storia del Carmelo

Regola primitiva

 

Spiritualità Carmelitana

Maria

Liturgia della B.V.M. del Monte Carmelo

Novena

Breve Triduo

Liturgia Eucaristica

Il Perdono del Carmine

 

S. Alberto di Trapani

La liturgia propria

 

San Giuseppe, Elia...

le altre devozioni

 

Calendario Carmelitano...

        

Link utili

 

 

Canti

Carmelitani

 

 

 

Canto:

El  Castillo de cristal

 

 

 

e-mail: commissario@carmelosicilia.it

segretario@carmelosicilia.it

 

Per una corretta visualizzazione dello schermo impostare la risoluzione a 1024x768 pixel

ContemplaTTivi

Tonino Bello, Cirenei della gioia

... Solo se partiamo dall'eucaristia, da quella tavola, allora ciò che faremo avrà davvero il marchio di origine controllata, come dire, avrà la firma d'autore del Signore. Attenzione: non bastano le opere di carità, se manca la carità delle opere. Se manca l'amore da cui partono le opere, se manca la sorgente, se manca il punto di partenza che è l'eucaristia, ogni impegno pastorale risulta solo una girandola di cose. Dobbiamo essere dei contempl-attivi, con due t, cioè della gente che parte dalla contemplazione e poi lascia sfociare il suo dinamismo, il suo impegno nell'azione. La contemplattività, con due t, la dobbiamo recuperare all'interno del nostro armamentario spirituale. Allora comprendete bene: si alzò da tavola vuol dire la necessità della preghiera, la necessità dell'abbandono in Dio, la necessità di una fiducia straordinaria, di coltivare l'amicizia del Signore, di poter dare del tu a Gesù Cristo, di poter essere suoi intimi... Qualche volta a Dio noi ci aggrappiamo, ma non ci abbandoniamo. Aggrapparsi è una cosa, abbandonarsi un'altra. Quand'ero istruttore di nuoto se qualcuno stava annaspando o scendendo giù, io gli passavo accanto e quello si avvinghiava fin quasi a strozzarmi. Questo è solo un abbraccio di paura, non un abbraccio d'amore. Qualche volta con Dio facciamo anche noi così: ci aggrappiamo perché ci sentiamo mancare il terreno sotto i piedi, ma non ci abbandoniamo. Abbandonarsi vuol dire lasciarsi cullare da lui, lasciarsi portare da lui semplicemente dicendo: «Dio, come ti voglio bene!». Allora: se non ci alziamo da quella tavola, magari metteranno anche il nostro nome sul giornale, perché siamo bravi ad organizzare, chissà trascineremo anche le folle per un giorno o due; però dopo, quando si accorgeranno che non c'è sostanza, che non c'è l'acqua viva, la gente se ne va. Ma alzarsi da tavola come ha fatto Gesù significa anche un'altra cosa. Significa che da quella tavola ci dobbiamo alzare: significa che non si può star lì a fare la siesta; che non è giusto consumare il tempo in certi narcisismi spirituali che qualche volta ci attanagliano anche nelle nostre assemblee.
Infatti è bello stare attorno al Signore con i nostri canti che non finiscono mai o a fare le nostre prediche. Ma c'è anche da fare i conti con la sponda della vita. Spesso, come lamenta il Papa nella Chiristi fideles laici, c'è una dissociazione tra la fede e la vita.
La fede la consumiamo nel perimetro delle nostre chiese e lì dentro siamo anche bravi; ma poi non ci alziamo da tavola, rimaniamo seduti lì, ci piace il linguaggio delle pantofole, delle vestaglie, del caminetto; non affrontiamo il pericolo della strada. Bisogna uscire nella strada in modo o nell'altro: c'è uscito anche Giuda, «ed era notte» (Gv. 13,30).
Dobbiamo alzarci da tavola. Il Signore Gesù vuole strapparci dal nostro sacro rifugio, da quell'intimismo, ovattato dove le percussioni del mondo giungono attutite dai nostri muri, dove non penetra l'ordine del giorno che il mondo ci impone.
Ecco, carissimi confratelli, questo è il primo verbo che dovremmo meditare moltissimo.

 

 

 

Le ultime dal Papa

 

 

LETTERA APOSTOLICA
MAESTRO DELLA FEDE

DEL SANTO PADRE
GIOVANNI PAOLO II

Messaggio dei due Consigli Generali OCarm-OCD a tutta la Famiglia Carmelitana

Communicationes
AYLESFORD (31-05-2013).- Nell’Anno della Fede, noi, membri dei due Consigli Generali, OCarm e OCD, ci siamo recati in pellegrinaggio a Aylesford, in Inghilterra, un luogo molto significativo per tutta la Famiglia Carmelitana. Qui infatti, da dove vi scriviamo questa lettera-messaggio nella festa di San Simone Stock, si trova l’antico convento carmelitano, fondato nel 1242 da alcuni pellegrini-eremiti del Monte Carmelo... ( Leggi tutto...)

Ultimo aggiornamento: 10.06.2013

Web Master: Laura Spina

Premesso che tutto il materiale pubblicato su Internet è di dominio pubblico, se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato su questo sito, non ha che da darne avviso al Web Master, e sarà immediatamente eliminato.